Arresto Patrick in Egitto; Arci: scenario inaccettabile, Governo e Europa intervengano subito 

ROMA, 10 febbraio 2020 – “Patrick George Zaki è stato arrestato senza motivi al suo arrivo all’aeroporto del Cairo, trattenuto per ore senza che se ne sapesse niente, interrogato, torturato e infine incriminato. Una scenario inaccettabile che si ripete, a cui il Governo italiano deve reagire in modo forte”. Lo dichiara l’Arci nazionale sul caso dello studente egiziano dell’Università di Bologna grazie a una borsa di studi europea.

“Purtroppo – continua – non si tratta di caso isolato, sono numerose le segnalazioni di un regime sempre più repressivo e antidemocratico. Inoltre, le similitudini con il caso di Giulio Regeni devono preoccupare tutta la comunità internazionale che crede nella democrazia. Da tempo – prosegue – seguiamo la situazione in Egitto, abbiamo contatti con diversi dissidenti perseguitati con l’unica colpa di non essere allineati con il regime di Al-Sisi. L’Egitto – conclude – è un paese che ha numerosi rapporti con l’Italia e l’Europa, sarebbe ora che si alzasse la voce contro chi sostiene un sistema fondato sul terrore e la persecuzione dei propri cittadini con torture e arresti arbitrari”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...